Cosa serve per aprire un negozio di abbigliamento

Molti ci chiedete cosa serve per aprire un negozio di abbigliamento.

Prima di entrare appieno nell’argomento voglio farti una breve introduzione.

Due sono i Business in Italia più longevi e redditizi:

  • Settore Abbigliamento
  • Settore Ristorativo

Proprio per questo motivo sono molti gli appassionati di moda e tendenze che desiderano creare il proprio business in questo settore.

Nonostante le difficoltà del periodo attuale, aprire un negozio di abbigliamento può rivelarsi l’azione giusta per superare brillantemente questa crisi.

Ma cosa serve per aprire un negozio di abbigliamento?

Innanzitutto: passione, lavoro, professionalità e soprattutto avere la giusta strategia.

Tutto questo per competere con l’ormai elevatissima concorrenza dei nostri giorni, come e-commerce, multinazionali, brand storici, ecc…

Ma vediamo ora qual è la strada giusta per aprire un negozio di abbigliamento nel 2021.

Aprire un negozio di abbigliamento: cosa serve per iniziare

aprire un negozio di abbigliamento quanto costa

Prima di partire con qualsiasi attività sarà necessario pianificare con cura la giusta strategia.

Infatti gli elementi più importanti per un’attività di successo sono:

  • avere un Business Plan
  • scegliere il luogo adatto dove aprire il negozio
  • affiancare le vendite tradizionali a quelle online
  • scegliere le persone (il target) a cui si vuole vendere

E soprattutto…

Scegliere i giusti prodotti.

Studiare bene il mercato in cui ci si vuole inserire deciderà il successo o l’insuccesso della nuova attività.

Inizialmente, se non si ha un grosso budget a disposizione, è meglio partire con un locale piccolo ( 50-70 metri quadri) ed acquistare capi dei brand più conosciuti come ad esempio Guess, Liu jo, Rinascimento o altri di questo genere.
Molto importante sarà anche scegliere il giusto locale.

Infatti un locale con una bella vetrina, un ampio parcheggio e situato in una via principale, ovviamente, avrà maggiori possibilità di avere successo rispetto ad altri.

Molto conta poi anche la bravura del commesso/a o del proprietario nell’esporre e vendere la propria merce.

Cosa serve per aprire un'attività: iter burocratico e requisiti

come aprire un'attività commerciale

Per aprire un negozio di abbigliamento oltre a considerare tutti i punti sopra elencati bisogna capire se si hanno i requisiti per aprire un negozio di abbigliamento.

Infatti per aprire un’attività dovrai avere compiuto la maggiore età, non avere condanne penali, non avere fallimenti alle spalle,ecc…

Non dovrai però preoccuparti se non hai un titolo di studio e non servono licenze particolari.

Vediamo ora l’iter burocratico necessario per aprire un negozio di abbigliamento nel 2021:

  • Apertura Partita Iva
  • Iscrizione al Registro delle Imprese, all’INPS ed all’INAI
  • Comunicazione di avvio attività al Comune (almeno 30 gg prima dell’apertura)
  • Comunicazione Unica alla Camera di Commercio (in via telematica con PEC), che permette di espletare in un unico passaggio tutte le principali iscrizioni e comunicazione sopra elencate
  • Ottenimento permesso per esporre l’insegna
  • Pagamento dei diritti SIAE per diffusione di musica ( se la vorrai mettere nel tuo negozio)
  • Accertarsi che i locali siano a norma in materia di destinazione, igiene, agibilità, urbanistica, sicurezza

Inoltre in certe regioni italiani sono richiesti permessi specifici.

Per questo motivo è sempre meglio rivolgersi alla Camera di Commercio della propria città per essere sicuri di avere tutto in regola per aprire.

Inoltre se il tuo locale è di grandi dimensioni ti sarà anche necessaria un’autorizzazione dei vigili del fuoco.

Aprire un negozio di abbigliamento: quali sono i costi?

quanto costa aprire un negozio di abbigliamento in franchising

Fare una stima precisa di quanto spenderai per aprire il tuo negozio di abbigliamento.

Questo perchè ci sono moltissimi aspetti da considerare, come:

  • Affitto del locale ( se non è tuo)
  • Che merce vuoi vendere
  • Attrezzatura
  • Commercialista
  • INPS

Ma vediamo una media delle voci sopra elencate.

  • Affitto del locale: 500 euro al mese
  • Merce per riempire il negozio: 6000 euro
  • Attrezzatura: 2000 euro
  • Commercialista: 1000 euro
  • INPS: 3000 euro annui

In totale quindi dovrai avere da parte circa 10.000 euro più i 3.000 dell’INPS ( spesa minimo annua).

Cosa serve per aprire un negozio di abbigliamento: consigli utili nel 2021

come aprire un'attività commerciale
Chiunque voglia aprire un negozio di abbigliamento nel 2021 dovrà considerare di dedicare una parte del budget anche per la pubblicità online.Gli elementi su cui puntare di più sono:
  • Buona pagina Facebook
  • Profilo Instagram con belle foto
  • Sito web performante
Infatti da importanti studi e ricerche realizzate da università americane, è stato rilevato che avere una buona presenza sui principali social network del momento può comportare anche un aumento delle vendite del 56%.Ma vediamo ora il perchè…I motivi principali sono che grazie ad una buona presenza online si possono raggiungere migliaia di persone anche se il nostro negozio è situato in un piccolo paesino di montagna.Le uniche cose che servono sono un pc e tanta voglia di fare.Inoltre per avviare un negozio di abbigliamento in maniera autonoma si dovrà conoscere il settore della moda a 360°, bisogna:
  • avere gusto estetico essere flessibili e dinamici
  • conoscere le ultime tendenze del mercato
  • avere spirito imprenditoriale
  • capacità organizzative
  • determinazione e predisposizione ai rapporti interpersonali
  • doti comunicative e di vendita
Sicuramente per chi parte da zero e non ha esperienze pregresse può essere aiutato da corsi formativi.

Aprire un'attività in questo periodo :come risparmiare ed ottimizzare le spese

Iniziamo con l’attrezzatura.

Infatti se sei una persona volenterosa e hai voglia di girare un po’ i fallimenti della tua zona oppure di cercare occasioni su internet, potrai trovare l’attrezzatura perfetta, per allestire il tuo negozio di abbigliamento, risparmiando parecchi soldi.

Un altro consiglio è quello di massimizzare ed ottimizzare il budget da destinare all’acquisto dei vestiti.

Infatti con lo stesso budget, ad esempio i 6.000 precedenti, potrai fare queste due scelte:

  1. Comprare circa 100-150 capi seriati dai rivenditori
  2. Acquistare 400 capi firmati in stock

Infatti con la stessa cifra si possono prendere il doppio o il triplo di capi, se si decide per l’acquisto in stock.

Ovviamente scegliendo stock di abbigliamento firmato per aprire il tuo negozio di abbigliamento, non disporrai di tutte le taglie per tutti i modelli, ma potrai avere una vasta scelta di capi da offrire al tuo cliente.

Inoltre, comprando stock di abbigliamento firmato, potrai rivendere capi e borse di brand notissimi (GuessLiu JoFracominaRoy Rogers, ecc) a prezzi accessibili a tutti, caratteristica da non sottovalutare in questo periodo storico.

Se quindi stai per aprire il tuo negozio di abbigliamento e hai deciso anche tu, come ormai migliaia di commercianti in Italia, di partire con il piede giusto:

  • Non pagando a caro costo merce che puoi avere ad un terzo del prezzo
  • Non acquistando vestiti su cui puoi marginare al massimo un 20/30%
  • Avendo sempre ricambio continuo per non annoiare i tuoi clienti

Scrivici in chat e chiedi maggiori informazioni.

Saremo disponibili ad offrirti consigli e informazioni utili senza alcun impegno.

Se invece, deciderai di intraprendere la via più ardua e faticosa, dell’acquisto tramite rivenditori…

Ti voglio fare un grosso in bocca al lupo.

Ne avrai bisogno.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram